Consulenza legale per ecommerce con un Team di avvocati esperti in privacy e diritto digitale, dal 2011.
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

GPT-3: intelligenza artificiale e proprietà intellettuale

17/01/2023

GPT-3: intelligenza artificiale e proprietà intellettuale



L'intelligenza artificiale (AI) è da qualche mese sulla bocca di tutti, esperti del settore e non, grazie a  ChatGPT, un chatbot AI in grado di svolgere attività come condurre una conversazione, scrivere saggi e articoli con un'abilità molto simile a quella umana. Nei primi cinque giorni di vita, più di un milione di persone si sono iscritte per provarlo. Il New York Times ne saluta la "genialità e la stranezza" e dice che ispira sia stupore che paura.

A discapito dell'utilizzo massivo che gli utenti stanno facendo di GPT-3, il futuro dell'intelligenza artificiale non è scrivere articoli o poesie in uno stile piuttosto che un altro, o altre cose strane per cui gli utenti stanno utilizzando questo tool.

Al contrario, l'intelligenza artificiale sarà soprattutto uno strumento commerciale, che frutterà miliardi di dollari alle aziende che la utilizzeranno per compiti come il miglioramento delle ricerche su Internet, la scrittura di codice software, la scoperta e la correzione di inefficienze nell'attività di un'azienda e l'estrazione di informazioni utili e fruibili da enormi quantità di dati.

La creazione e l'uso di intelligenza artificiale pone però notevoli questioni legali sotto il profilo della proprietà intelletuale.

In questo articolo vediamo qualche spunto, parlando anche di una causa legale che pende negli USA e il cui esito avrà notevoli implicazioni sull'uso di GPT-3, sulla intelligenza artificiale e sui diritti di proprietà intellettuale.


Prima di leggere l'articolo, se non lo hai già fatto iscriviti alla nostra newsletter, oppure seguici sui nostri canali social (YouTubeLinkedIn e Facebook): in questo modo rimarrai sempre aggiornato sulle novità legali della intelligenza artificiale e del mondo ecommerce.


SOMMARIO


Intelligenza artificiale a proprietà intellettuale
Una causa legale che potrebbe cambiare tutto
Puntare tutto sulla intelligenza artificiale
Copilot e software pirata
Dove andremo a finire?

 

Intelligenza artificiale e proprietà intellettuale



Dietro il clamore determinato dal crescente uso di GPT-3 c'è da rilevare un piccolo sporco "segreto" alla base dell'intelligenza artificiale: il (presunto) furto di proprietà intellettuale.

Per svolgere il suo lavoro, l'intelligenza artificale  ha infatti bisogno di ingerire costantemente dati, molti dati.

Parte degli esperti in diritto intellettuale (sopratutto negli USA) per tale ragione sostengono che molti attuali sistemi di intelligenza artificiale stiano  violando le leggi sulla proprietà intellettuale, assorbendo informazioni senza ottenerne i diritti, e che da qui in poi le cose non potranno che peggiorare.

 

Una causa legale sulla proprietà intellettuale che potrebbe cambiare tutto



Una causa legale intentata nel 2022 per proprietà intellettuale contro Microsoft potrebbe determinare il futuro dell'intelligenza artificiale. L'accusa è che Microsoft, il repository di codice GitHub e OpenAI, la società madre di ChatGPT-3, abbiano utilizzato illegalmente codice creato da altri per costruire e addestrare il servizio Copilot che utilizza l'intelligenza artificiale per scrivere software. (Microsoft ha investito 1 miliardo di dollari in OpenAI).
 


Puntare tutto sull'intelligenza artificiale



Per capire la portata e le implicazioni di questa causa legale, è necessario innanzitutto comprendere la grande scommessa di Microsoft sull'intelligenza artificiale. Satya Nadella, CEO di Microsoft, ritiene che l'intelligenza artificiale trasformerà Microsoft come ha fatto il cloud. Recentemente ha dichiarato:

 
"Penso che la prossima fase - se si dice che il mobile e il cloud sono stati l'ultimo paradigma - sarà l'intelligenza artificiale".


L'intelligenza artificiale sarà utilizzata in ogni settore dell'azienda, dal cloud alla ricerca Bing, fino a Windows stesso. Alla conferenza CES della scorsa settimana ha spiegato:
 

"il modo in cui si fa tutto su Windows, letteralmente, è destinato a cambiare con l'intelligenza artificiale". 



Ha fornito solo pochi dettagli, come l'interfaccia in linguaggio naturale, ma senza dubbio c'è molto lavoro in corso che non vuole ancora rivelare.

La combinazione di intelligenza artificiale e cloud è forse l'obiettivo più importante dell'azienda. ChatGPT è alimentato dalla tecnologia cloud Azure di Microsoft ed è stato addestrato utilizzando l'infrastruttura di supercalcolo di intelligenza artificiale di Azure. Microsoft venderà alle aziende funzionalità di intelligenza artiiciale basate su Azure, il che significa che le aziende saranno in grado di sfruttare l'intelligenza artificiale  senza dover costruire alcuna infrastruttura: potranno semplicemente utilizzare l'intelligenza artificiale basata sul cloud di Microsoft. Il prodotto, chiamato Azure OpenAI Service, è già disponibile in anteprima.

Microsoft sta anche pianificando di integrare l'intelligenza artificiale di ChatGPT3 con la ricerca di Bing per migliorare i risultati delle ricerche e fornire direttamente le informazioni che le persone stanno cercando, invece di indirizzarle semplicemente a pagine web. 

 
GPT3 intelligenza artificiale e proprietà intellettuale
 


Copilot e software pirata



Veniamo ora al servizio che ha portato alla causa contro Microsoft: Copilot. Si tratta di un assistente di codifica AI che fornisce codice per la creazione di funzioni software di base, consentendo agli sviluppatori di concentrarsi su attività di programmazione più complesse e di livello superiore. I programmatori devono solo dire a Copilot cosa vogliono creare e Copilot crea codice pronto all'uso che possono incollare nel loro lavoro.

Ma questo è solo lo stato dell'arte di oggi. Con una formazione adeguata, non sarebbe sorprendente se i non programmatori fossero in grado di costruire semplici applicazioni senza conoscere una riga di codice, e forse anche di creare applicazioni più complicate.

Per svolgere questa specie di "magia", Copilot ha bisogno di una formazione su enormi quantità di codice. Il repository di codice open-source GitHub, di proprietà di Microsoft, che gestisce Copilot, afferma di essere "addestrato su miliardi di righe di codice pubblico".

Ed è proprio il modo in cui Copilot ottiene il codice open source è al centro della causa.

Il codice open source non è di dominio pubblico. Spesso è protetto da copyright.

In linea di principio, può essere utilizzato senza essere pagato, ma solo se il soggetto che lo utilizza accetta i termini di licenza del software. Esistono diverse licenze open-source con termini diversi.

Ad esempio, una licenza potrebbe richiedere che qualsiasi software costruito sulla base del codice open-source debba includere il nome del creatore del codice originale e una nota di copyright.

 

Cosa sostiene Microsoft



Copilot non ha accettato alcuna licenza di utilizzo di software open source. Microsoft sostiene di non averne bisogno. L'amministratore delegato di GitHub, Nat Friedman, sostiene che Copilot può utilizzare qualsiasi codice open source per l'addestramento, indipendentemente dalle licenze, perché rientra nel "fair use" della legge sul copyright statunitense. Molte altre aziende e ricercatori di IA sostengono la stessa cosa.

 

Chi è Matthew Butterick



Matthew Butterick, programmatore, scrittore e avvocato, non è d'accordo.

E' lui infatti che ha sostanzialmente dato avvio alla causa legale. Insieme allo studio legale Joseph Saveri ha intentato una causa collettiva contro Microsoft, GitHub e OpenAI, sostenendo che queste società:

 
"traggono profitto dal lavoro dei programmatori open-source violando le condizioni delle loro licenze open-source".


In parole povere, per l'accusa Microsoft & Company sarebbero pirati del software, che rubano la proprietà intellettuale di coloro che hanno creato il codice usato per addestrare Copilot.

Stando a quanto sostiene Butterick, quando qualcuno chiede a Copilot di scrivere un software, il codice che ne risulta è una copia esatta del codice open source su cui Copilot è stato addestrato.

Per Butterick Copilot è solo la punt dell'icerberg e che è in arrivo un furto di proprietà intellettuale molto più massiccio, non solo di codice, ma anche di immagini, scritti e dati di qualsiasi tipo.

Ha dichiarato al New York Times:

 
"Le ambizioni di Microsoft e OpenAI vanno ben oltre GitHub e Copilot. Vogliono fare formazione su qualsiasi dato, ovunque, gratuitamente, senza consenso, per sempre".


Su questo punto è difficilie dargli torto. I generatori di immagini AI, come DALL-E 2, gestito da OpenAI, si addestrano già su immagini trovate sul web (con buona pace di chi, quelle immagini, le ha create con il proprio apporto creativo).

Una delle grandi ironie dell'uso del software open-source da parte di Microsoft e del ricorso all'argomento del "fair use" è che per anni l'azienda ha combattuto l'open source come se fosse il diavolo in persona.

Nel 2000, l'allora amministratore delegato di Microsoft, Steve Ballmer, disse che il software open source Linux aveva "le caratteristiche del comunismo". Un anno dopo ha rincarato la dose, definendolo un "cancro".

 
GPT-3 proprietà intellettuale

Intelligenza artificiale e proprietà intelettuale: dove andremo a finire?



Questa causa determinerà in larga misura il futuro dell'intelligenza artificiale. Se Microsoft vincerà, l'intelligenza artificiale potrà andare avanti a tutta velocità, e sarà autorizzata ad assorbire e ad allenarsi su codice, immagini, articoli e dati creati da altri, sostanzialmente senza curarsi dei diritti di proprietà intellettuale. L'avvertimento di Butterick sull'utilizzo gratuito di qualsiasi dato da parte dell'IA, sempre e ovunque, si avvererà quasi certamente.

Se Microsoft perde, coloro che creano intelligenza artificiale dovranno muoversi con molta più attenzione, forse rallentando la creazione di intelligenza artificiale, ma rispettando la proprietà intellettuale di artisti, scrittori, programmatori e altri.

Selene Galeazzi - Team LegalBlink