0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Come usare Google Tag Manager per bloccare i cookie di profilazione

05/04/2022

Come usare Google Tag Manager per bloccare i cookie di profilazione


In questa guida spieghiamo un tema importante per molte web agency: come usare Google Tag Manager per bloccare i cookie di profilazione rilasciati dal sito web.


AVVERTENZA:

Google Tag Manager è efficace solo per gli script “non posizionali” dei cookie di profilazione. 

Gli script “non posizionali” sono quelli che non visualizzano un elemento specifico in un punto della pagina del sito web o ecommerce.

Pertanto, puoi adottare Google Tag Manager e quanto indicato nella presente guida per tutti gli strumenti di profilazione analitica, ma non per i banner di AdSense, per i video Youtube o per i pulsanti social o widget di altro genere.

Per maggiori informazioni, ti invitiamo a visionare la guida ufficiale di Google Tag Manager.
 

Prima di iniziare
 

La tematica dei cookie è molto ampia e coinvolge ambiti sia legali che tecnologici.

Ecco alcune utili guide che possono aiutarti a gestire al meglio i cookie rilasciati dal tuo sito:

Come bloccare i cookie di profilazione

Come ottenere una cookie policy a norma

Cookie consent e cookie solution

Scopri il generatore di cookie policy di LegalBlink


Definizioni


Iniziamo con alcune definizioni che saranno sicuramente utili per applicare al meglio la presente guida.

Contenitore: contiene gli script dei cookie di profilazione che vuoi gestire

Tag: rappresenta lo script da gestire e che si vuole attivare solo in base a determinate logiche 

Attivatore: l'evento che permetterà l'esecuzione dello script
 

Crea un account su Google Tag Manager


La prima attività per utilizzare questo strumento insieme a LegalBlink è creare l'account su Google Tag Manager.

Clicca qui per maggior informazioni su come creare il tuo account Google Tag Manager.

Una volta creato il tuo account potrai creare un "contenitore" su Google Tag Manager.

 

Una volta cliccato su "Crea contenitore" scegli l'opzione riferita ai siti web.


crea contenitore in google tag manager

Creare un TAG


Una volta creato il contenitore è necessario creare un tag di riferimento.
 

Il tag è lo script che verrà attivato solo in base a determinate regole.

Nel nostro contesto la regola che farà attivare lo script è il consenso dell'utente all'uso dei cookie di profilazione statistica o pubblicitaria.
 

come creare un tag su google tag manager

Clicca su Aggiungi un nuovo tag e poi sul blocco Configurazione tag, come mostrato nell’immagine sottostante




Seleziona il tipo di tag, ad esempio per script personalizzati, HTML personalizzato.
 



A questo punto inserisci il tuo codice script personalizzato come nella figura sottostante. 


 

Creare un TAG

Dopo aver completato la creazione del tag dobbiamo configurarne le regole che permetteranno agli script di attivarsi, queste regole prendono il nome di attivatori del tag.

Per fare questo questo cominciamo cliccando nel blocco Attivazione all'interno della schermata di creazione del tag.



A questo punto utilizzeremo l'icona "+" in alto a destra per configurare un nuovo attivatore (se non lo abbiamo già creato in precedenza) e cliccheremo nella voce Configurazione attivatore
Come tipologia di attivatore dobbiamo scegliere Evento personalizzato. 



L'evento personalizzato lo chiamere con uno dei nomi messi a disposizione da LegalBlink, a seconda dello scopo che abbiamo:
  • legalblinkconsentgiven: Viene attivato quando l'utente accetta tutte le tipologie di cookie;
  • legalblink_necessary_consentgiven: Viene attivato quando l'utente accetta la categoria dei cookie necessari;
  • legalblink_adv_consentgiven: Viene attivato quando l'utente accetta la categoria dei cookie di profilazione di terze parti;
  • legalblink_stats_consentgiven: Viene attivato quando l'utente accetta la categoria dei cookie statistici di terze parti;
  • legalblink_fptracking_consentgiven: Viene attivato quando l'utente accetta la categoria di profilazione di prima parte;


Una volta dato il nome desiderato all'evento attivatore del tag salviamo, andando a completare la creazione del tag come mostrato in figura.



A questo punto il tag è stato creato ed è sufficiente pubblicare le modifiche online, in modo che Google Tag Manager si aggiorni. 

Per fare questo, dalla pagina principale del contenitore, bisogna cliccare su Invia, dare un nome e una descrizione alla nuova versione e poi cliccare su Pubblica. 
 

Maggiori informazioni su come usare Google Tag Manager per bloccare i cookie di profilazione?


Contattaci! Il nostro costumer care è a tua completa disposizione.

Puoi scrivere a legalblink@legalblink.it

Team LegalBlink