Consulenza legale per ecommerce con un Team di avvocati esperti in privacy e diritto digitale, dal 2011.
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Direttiva Omnibus: ci siamo quasi. Novità su prezzi e recensioni

01/12/2022

Direttiva Omnibus: ci siamo quasi. Novità su prezzi e recensioni

 

In data odierna, il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della Direttiva Omnibus (la Direttiva (UE) 2019/2161). 

In questo articolo anticipiamo quelle che saranno le principali novità per siti web ed e-commerce su prezzi e recensioni.

A breve verrà pubblicato il decreto legislativo di recepimento.

Se vuoi essere aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter!

SOMMARIO

La Direttiva Omnibus tutela meglio i consumatori
Come comunicare la riduzione del prezzo
Nuove pratiche commerciali scorrette. Occhio alle recensioni
Multe più salate
Recesso più lungo

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulle novità legali per siti web ed ecommerce? Segui i nostri canali social: YouTube e LinkedIn oppure iscriviti alla nostra newsletter!
 

La Direttiva Omnibus tutela meglio i consumatori


Il decreto amplia la tutela dei consumatori nel caso di contratti con clausole vessatorie, di condotte commerciali scorrette, di concorrenza sleale o di comunicazioni commerciali non veritiere con conseguente modifica della disciplina delle sanzioni pecuniarie amministrative.


Come comunicare la riduzione del prezzo


Si prevede, tra l’altro, che gli annunci di riduzione del prezzo devono indicare quello praticato nei 30 giorni precedenti.
 

Eccezioni a questa regola


Sono esentati i prodotti presenti sul mercato da meno di trenta giorni e i prodotti alimentari deperibili nonchè i prodotti agricoli.
 

Nuove pratiche commerciali scorrette. Occhio alle recensioni


Il decreto di recepimento della Direttiva Omnibus aumenta l’elenco delle pratiche commerciali considerate in ogni caso ingannevoli con quelle di:
 

  • mancata chiara indicazione di annunci pubblicitari a pagamento per ottenere una classificazione migliore dei prodotti;
  • rivendita di biglietti per eventi acquistati utilizzando strumenti automatizzati;
  • utilizzo di recensioni del prodotto false o senza averne verificata l’autenticità.


E' proprio con riferimento all'uso delle recensioni che la Direttiva Omnibus e il decreto di recepimento avranno un notevole impatto sui siti web e sugli e-commerce.

Infatti, i siti dovranno implementare idonee misure per accertarsi che le recensioni pubblicate siano riconducibili a reali esperienze di acquisto.

Il rischio è quello di incorrere in una pratica commerciale scorretta e pagare una pesante multa (v. paragrafo successivo).
 

Multe più alte


Con riguardo al regime sanzionatorio si eleva da 5 a 10 milioni il limite massimo  relativo alla sanzione irrogabile dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato (AGCM) in caso di pratica commerciale scorretta.

Si prevede la sanzione da 5.000 euro a 10 milioni per violazioni in materia di clausole vessatorie. Nell’irrogare le sanzioni, l’AGCM tiene conto anche delle condizioni economiche e patrimoniali del sito web.
 

Recesso più lungo


Infine, si prolunga a trenta giorni il termine per l’esercizio del diritto di recesso con riferimento:
 

  • ai soli contratti conclusi nel contesto di visite non richieste presso l’abitazione del consumatore e di
  • escursioni organizzate per vendere prodotti.


A breve verrà pubblicato il decreto legislativo di recepimento. Vi terremo aggiornati.

Stay tuned!

Team LegalBlink