Consulenza legale per ecommerce con un Team di avvocati esperti in privacy e diritto digitale, dal 2011.
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Come aprire una ditta individuale: guida per ecommerce

30/12/2021

Come aprire una ditta individuale: guida per ecommerce 
 

Vuoi aprire il tuo sito di ecommerce attraverso una ditta individuale ma non sai come fare? Hai letto articoli su internet ma hai ancora le idee confuse?


Non preoccuparti, sei atterrato nella pagina giusta. Questo articolo infatti ti spiegherà quali sono i passaggi legali per aprire una ditta individuale per vendere online.


Come sempre, affronteremo questa tematica dal punto di vista dei titolari di siti ecommerce o web agency: quindi poco “legalese” e molti concetti pratici.
 

consulenza legale per aprire un ecommerce


Con LegalBlink hai assistenza legale per il tuo e-commerce


Vuoi cominciare e vendere in tutta sicurezza? 


LegalBlink ti accompagnerà in tutti i passaggi necessari per costituire la tua impresa individuale in modo veloce e professionale. Dall’apertura della partita iva fino ai documenti legali da pubblicare online (scopri l’innovativo Pacchetto Easy Merchant).

Buona lettura!

 

Cos’è una ditta individuale


Se vuoi vendere online, la ditta individuale rappresenta la scelta meno costosa e più “snella” dal punto di vista burocratico.


Infatti, l’adempimento più importante prima di iniziare a vendere è rappresentato dalle semplice apertura della partita IVA.


La ditta individuale è quel tipo di impresa dove figura un solo titolare, l’imprenditore, il quale è l’unico soggetto che risponderà delle obbligazioni assunte dalla stessa ditta.


Chi può aprire una ditta individuale


Qualunque soggetto dotato della capacità legale di intendere e di volere e che abbia raggiunto la maggiore età può aprire una impresa individuale.

Pertanto, se sei minorenne oppure sottoposto a tutela o curatela non potrai aprire una ditta.


Cosa è possibile vendere


Non vi sono sostanzialmente limiti. Attraverso il tuo sito di commercio elettronico puoi vendere i classici beni e/o servizi che si vendono online (abbigliamento, alimentare, elettronica etc).


I vantaggi dell’impresa individuale


Le ragioni per le quali potresti aprire una ditta individuale sono molteplici per vendere attraverso il tuo ecommerce. Infatti, se decidi di vendere online puoi contare sul fatto che la ditta individuale:
 

  1. è facile da realizzare: basta recarsi presso la Camera di Commercio della provincia ove è sita la ditta individuale
  2. presenta ridotte spese di costituzione e di gestione
  3. ti permetterà di non perdere il controllo dell’impresa, visto che non vi sarà la presenza di soci o terze parti
  4. opera senza l’obbligo della redazione del bilancio di fine anno
  5. può essere costituita senza un capitale sociale minimo per la sua costituzione
  6. non richiedere un atto costitutivo formale. Infatti, la ditta individuale sorge per il fatto stesso che hai iniziato a vendere online prodotti o servizi in forma imprenditoriale.


… e gli svantaggi  


Come ogni decisione imprenditoriale, anche la scelta di aprire il tuo business online sotto forma di ditta individuale presenta sia vantaggi, che svantaggi.


Tra questi questi ultimi ti segnaliamo che:
 

  1. avrai una c.d. “responsabilità illimitata” nei confronti dei creditori. Questo significa che rispondi con il tuo patrimonio personali di tutti gli obblighi contratti dalla ditta.
  2. potresti avere problemi di “credibilità creditizia” nei confronti di eventuali partner o fornitori. Infatti, essi sapranno benissimo che potrai soddisfare alle obbligazioni della ditta individuale solamente con il tuo patrimonio personale. 
  3. non avrai soci con i quali assumere insieme decisioni imprenditoriali: tutta la responsabilità ricadrà su di te.


Come ridurre la responsabilità personale


Tra gli svantaggi di aprire una ditta individuale figura il fatto che dovrai rispondere con il tuo patrimonio dei debiti contratti dalla ditta individuale.
 

Ti segnaliamo che un modo per ridurre questa responsabilità è rappresentato dalla possibilità  di sottoscrivere accordi assicurativi. In questo modo, potrai tutelare il tuo patrimonio da eventuali responsabili imprenditoriali.


Attenzione: questo non significa che se assumi debiti potrai non pagare i creditori. L’assicurazione opererà sempre alle condizioni indicate nell’accordo stesso. Pertanto, ci saranno sempre delle casistiche nelle quali l’assicurazione non potrà venire in tuo aiuto. Ad esempio, per le responsabilità di dolo o colpa grave oppure se incorri in responsabilità penali.


Inoltre, molte assicurazioni non hanno ancora delle condizioni specifiche per l’ambito e-commerce. Quindi, è consigliabile visionare bene le clausole per valutare se l’accordo proposto è adatto per il tuo sito di commercio elettronico. 


Il nome


Il primo passaggio per vendere online attraverso il tuo ecommerce passa dalla scelta del nome della ditta.

Infatti, per legge, la ditta individuale deve comprendere il tuo cognome o le iniziali del tuo nome e del tuo cognome. Es.: Ditta Individuale Mario Rossi, oppure Mario Rossi Ditta Individuale o Ditta Individuale M.R.


La ditta individuale nella forma di impresa famigliare o impresa coniugale


Abbiamo detto in precedenza che la ditta individuale non ammette nessuna persona ad eccetto dell’imprenditore (non ci sono soci). Questa regola ha però una importante eccezione.


Infatti, forse ti interesserà sapere che puoi costituire una ditta individuale anche nella forma di impresa familiare o di impresa coniugale.


Questa opzione può essere utilizzata se vuoi farti assistere nelle gestione del tuo business online dai tuoi famigliari.


Di quali famigliari stiamo parlando? Il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo (art.230 bis c.c.).


Nella impresa famigliare i parenti hanno diritto alla ripartizione degli utili ma rimani sempre tu l’unico responsabile delle sorti economiche della ditta individuale.


Se decidi invece di aprire una ditta individuale nella forma della impresa coniugale devi rispettare alcune condizioni:
 

  1. l’impresa coniugale deve essere costituita dopo il matrimonio
  2. devi essere in regime di comunione legale dei beni
  3. la gestione della ditta con il coniuge deve avvenire in totale partita di condizioni
  4. non è possibile creare vincoli di subordinazione tra i coniugi.


I costi


Abbiamo detto che aprire una impresa individuale presenta dei costi tutto sommato contenuti. Vediamoli nel dettaglio.


Apertura partita iva


Questo costo è pari a ZERO euro.


Ovviamente, puoi rivolgerti a un professionista che svolga per te queste operazioni (il compenso di solito si aggira intorno ai 50-150 euro).


I costi di gestione


Come hai visto, l’apertura della partita iva non presenta costi.


Il discorso è diverso per i costi di gestione della tua ditta individuale.


Di seguito ti indichiamo i probabili costi di gestione. Ovviamente, molto cambia dal contesto (professionisti che ti seguono e reddito in particolare):
 

  1. Iscrizione alla Camera di Commercio (circa 80-100 euro)
  2. Compensi per commercialista o ragioniere per la tenuta della contabilità. Qui dipende dal professionista. Visto che una impresa individuale presenta una contabilità abbastanza semplice, il costo annuale si aggira di solito intorno ai 1.000 euro
  3. Contributi previdenziali (INPS) circa 280 euro al mese e imposte quali Irpef e Irap (l’importo varia in base al reddito).

Il regime forfettario


Anche per gli ecommerce che vendono come imprese individuali c’è la possibilità di avvantaggiarsi del c.d. “regime forfettario”.


Uno dei requisiti per usufruire di questo regime risiede nel  fatto di non aver conseguito ricavi superiori ad euro 65.000,00.


Il regime di tassazione è pari al 15% (5% per i primi 5 anni).

La Comunicazione Unica d’Impresa


La Comunica Unica rappresenta l’adempimento burocratico più importante se vuoi vendere online mediante il tuo ecommerce (ciò vale anche se vuoi vendere mediante una società).


E’ una pratica informatica che semplifica il rapporto tra le imprese e la Pubblica Amministrazione mediante l’utilizzo di un’unica procedura per gli adempimenti verso la Camera di Commercio, l’Agenzia delle Entrate, l’INAIL e l’INPS.


In particolare, essa ti servirà per assolvere ai seguenti obblighi:
 

  1. iscrizione al Registro Imprese
  2. iscrizione al Repertorio Economico – Amministrativo (REA)
  3. codice Fiscale e Partita IVA
  4. richiesta dell’iscrizione all’INPS dei dipendenti o dei lavoratori autonomi
  5. apertura della posizione assicurativa presso l’INAIL
  6. eventuale SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) per il SUAP (Sportello Unico delle Attività Produttive).


Per trasmettere questa pratica è necessario iscriversi al sito impresainungiorno.


Leggi maggiori informazioni su come presentare la Comunicazione Unica accedendo al sito ufficiale.


Presentata la Comunicazione Unica non ha bisogno di attendere nessun tipo di autorizzazione. Infatti, puoi subito cominciare a vendere online!


I requisiti preliminari


Prima di presentare la Comunicazione Unica devi adempiere alcuni veloci adempimenti.


Ecco cosa devi fare:
 

  1. Aderire al servizio Telemaco – Consultazione ed Invio Pratiche.  In tutti i casi l’adesione è gratuita
  2. Dotarsi di una Firma Digitale
  3. Dotarsi di una PEC.


NB. E’ possibile anche incaricare un intermediario per la sottoscrizione digitale e la presentazione telematica della Comunicazione Unica.


La vendita online


Il tuo sito di ecommerce deve rispettare particolari requisiti legali. Ciò, anche se decidi di vendere mediante una società.
 

Infatti, il sito dovrà contenere:
 

  1. Condizioni generali di vendita
  2. Privacy policy e formule del consenso
  3. Cookie Policy e testo del banner


Tutta questa documentazione dovrà essere redatta in base alle caratteristiche del tuo business .


Avere un ecommerce a norma è importante perchè in questo modo migliori il rapporto con i clienti. 


Infatti, se i tuoi documenti legali sono scritti in modo chiaro, esaustivo e a norma, eviti i reclami. In questo modo risparmi spese legali! 

 

documenti legali per ditta individuale


Il Pacchetto Easy Merchant è il modo più veloce, professionale ed economico per avere un e-commerce a norma. 


Una volta attivato il servizio i nostri legali esamineranno il tuo sito (anche se è offline), per generare:
 

  1. Condizioni generali di vendita
  2. Privacy policy e formule del consenso per marketing e trattamento dati
  3. Cookie Policy e testo del banner


Inoltre verrà redatto un report sulle eventuali criticità da sistemare sul sito.

I documenti, multilingue, saranno sempre modificabili dai nostri legali o da te semplicemente accedendo al pannello di LegalBlink.


CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI!


Team LegalBlink